Procrastination, life is your creation!

Come credo la maggior parte degli studenti esistenti al mondo, la mia pecca fondamentale è la procrastinazione.

PROCRASTINAZIONE: rimandare a domani quello che potevi fare oggi.

Ultimamente è diventato proprio il mio sport preferito, tutto ciò che riguarda il domani per me è più bello, più positivo e sicuramente più lontano dall’oggi. Trascurando le implicazioni profonde di pigrizia e magari contrarietà a svolgere un compito che magari avrei il “dovere” morale o semplicemente sociale di svolgere, bisognava che trovassi un metodo funzionante per decidermi a fare le cose. 

Ho cercato parecchio su internet e il metodo più efficace tra quelli che ho trovato è quello che chiamano METODO DEI DUE MINUTI: fondamentalmente quello che rimandiamo non è mai qualcosa di troppo difficile, il punto più difficile è proprio avviare l’attività che ci aspetta right behind the corner. Per cui il metodo si compone di due fasi.

PRIMA FASE- Se ti impiega meno di due minuti, fallo adesso!

Devi andare a buttare la spazzatura, portare il cane a spasso o andare a fare jogging? Mia mamma direbbe “fai prima a farlo che a dirlo”! Indossare le scarpe e uscire dalla porta di casa non ti richiede più di due minuti, quindi, cosa aspetti? Una volta che hai iniziato ti renderai conto che non valeva la pena rimandare, e ti sarai tolto un peso!

SECONDA FASE- Quando devi prendere un’abitudine, dovresti metterci meno di due minuti ad iniziare.

Seguendo la prima fase ci rendiamo conto che ci sono tante cose che non riusciremmo a concludere in due minuti, per cui ecco il rimedio! Certamente avviarle, fare la prima mossa, già solo decidere di farle vi porterà via meno di due minuti. Una volta iniziato, poi, ti verrà quasi naturale voler proseguire su quella strada. 

Come si suol dire, l’appetito vien mangiando!

(Trovi l’articolo originale “How to stop procrastinating using the two minutes rule” in lingua QUI)


Last December I went to Barcelona, fortunately! I was not very happy about the choice of the trip cause i wasn’t very interested in visiting the city… but, once there, with the help of some friends who live there from years, we had a lot of fun and i found out what a wonderful city and full of surprises is Barça!